Ultimo aggiornamento venerdì 21 Set 2018 16:25
Search

L’abruzzese “sparagne” anche quando parla: “Bambino”

L’abruzzese “sparagn’ e cumbarisc'” anche quando parla.
Riuscire a risparmiare e allo stesso tempo a essere efficace è una delle prerogative dell’abruzzese. E la “lingua” non fa eccezione alla regola.

Un caso già analizzato riguarda “gatto” (guarda QUI), mentre oggi analizziamo una nuova parola: BAMBINO.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Confrontando la parola in tre lingue (italiano, inglese e “abruzzese”), anche in questo caso si può notare come l’abitante della nostra terra sia quello che riesca a rendere il concetto utilizzando meno lettere possibili.
Eccone la dimostrazione “pratica” (o “grafica”):