Ultimo aggiornamento lunedì 13 Lug 2020 10:48
Search

Incendio discarica Colle Marcone: Vigili del Fuoco impegnati per domare le fiamme

Un vasto incendio si è sviluppato nel corso della notte tra sabato 27 e domenica 28 giugno nei pressi di una discarica sita in località Colle Marcone, tra i territori dei Comuni di Chieti e Casalincontrada.
Fiamme alte diversi metri sono visibili da tutti i paesi circostanti, così come la densa nube di fumo che si è alzata in conseguenza delle fiamme.

Il chiarore scaturito dalle grosse fiamme è pertanto visibile a chilometri di distanza.
L’allarme sulle possibili conseguenze dell’incendio nel giro di pochissimi minuti ha fatto il giro dei social network, e in particolare su Facebook sono comparse le prime immagini degli utenti che si trovano nei pressi del rogo, le cui origini sono ancora tutte da chiarire.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Per vedere tutte le foto della discarica e dei rifiuti pericolosi clicca sull’immagine qui di seguito:

foto discarica colle marcone chieti

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Chieti Di Primio che, rispondendo a un post di allarme (con relativa foto dell’incendio allegata) lanciato da un’utente sul proprio profilo Facebook, ha annunciato di trovarsi sul posto in compagnia dei vigili del fuoco.
Questi gli ultimi due aggiornamenti sull’episodio pubblicati dal primo cittadino teatino sul social network (il primo si riferisce alle difficoltà avute dai vigili del fuoco nel raggiungere l’esatto luogo dell’incendio, a causa della strada dissestata):

«La strada è della provincia ho provveduto io però a chiamare il reperibile del Comune Marco Di Gregorio e la ditta DMP che provvederanno a riaprire il passaggio per i vigili del fuoco che stanno sul posto».
«Domani quando saremo in grado di avere qualche ulteriore info deciderò che provvedimenti prendere, in accordo con il sindaco di Bucchianico per tutelare la salute pubblica e privata».

Nelle prossime ore emergeranno quindi ulteriori dettagli sull’incendio di questa notte, e con ogni probabilità anche sulle possibili cause che hanno generato il gigantesco rogo.