Ultimo aggiornamento sabato 17 Nov 2018 11:39
Search

Furti a Megalò, tra gli autori anche un minore: scoperta della polizia nel centro commerciale

Furti a Megalò, anche un minore tra gli autori di alcuni colpi nel centro commerciale di Chieti Scalo.
I furti sono stati messi a segno nel pomeriggio di ieri, giovedì 18 ottobre, in alcuni negozi del centro commerciale teatino.
La polizia ha però scoperto gli autori, vale a dire un minorenne e sua zia (maggiorenne), residenti in provincia di Pescara.

A effettuare la scoperta gli agenti della Squadra Volante della Questura di Chieti diretti dal vice questore aggiunto Antonello Fratamico.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Tutto ha avuto inizio quando i poliziotti hanno notato la presenza di un’auto, una vecchia Alfa Romeo, parcheggiata in maniera anomala in una stradina laterale al centro commerciale.
Insospettiti dalla presenza del veicolo, gli agenti hanno iniziato a monitorare la situazione in attesa dell’arrivo del proprietario.

Poco dopo i poliziotti hanno notato un minore riporre una busta all’interno del veicolo e poi rientrare nel centro commerciale.
Gli accertamenti eseguiti hanno permesso di scoprire che, all’interno della busta appena lasciata ci fosse una borsa del valore di 200 euro appena rubata in uno dei negozi presenti nella galleria di Megalò.

All’interno dell’auto, che pertanto sarebbe stata utilizzata come “deposito” per custodire il “bottino” dei vari furti, sono stati ritrovati altri capi di abbigliamento appena sottratti in un altro negozio del centro commerciale (del valore di 100 euro).

In base a quanto appurato dalla polizia, la donna e il nipote minorenne sarebbero entrati più volte insieme nei negozi della galleria di Megalò, sottraendo della merce poco alla volta.
Il giovanissimo si sarebbe poi recato a “depositare” la refurtiva all’interno dell’auto, per poi fare rientro nel centro commerciale per compiere altri furti.

Alla luce di quanto scoperto, la zia e il nipote minorenne sono stati denunciati a piede libero, mentre tutta la refurtiva rinvenuta nella vettura è stata recuperata e riconsegnata ai legittimi proprietari.