Ultimo aggiornamento domenica 13 Ott 2019 09:07
Search

Sgombero e confisca casa a Pescara, il sindaco: «La utilizzeremo per dare risposte concrete ai cittadini onesti»

Casa sgomberata e confiscata a Pescara ieri, mercoledì 25 settembre.
Nella giornata di mercoledì è stato infatti eseguito lo sgombero di un immobile in via Monte Bertone da parte di polizia, carabinieri, guardia di finanza, polizia municipale.
Per guardare le foto clicca sull’immagine qui di seguito:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Sul posto, oltre alle forze dell’ordine, anche il personale di 118, Enel, Aca e Pescara Gas, per la distacco delle rispettive forniture.

La casa in questione era stata confiscata in via definitiva nel maggio del 2018.
Le indagini di polizia e guardia di finanza erano partite nel 2011 nei confronti di un nucleo familiare di etnia rom.

Alla luce della possibile “sperequazione tra reddito dichiarato e patrimonio posseduto”, era stata rimessa al Tribunale di Pescara una dettagliata informativa.
Quest’ultimo, nella prima metà del 2018, ha poi disposto la confisca dell’immobile in questione il quale sarebbe però risultato occupato abusivamente da una famiglia durante un sopralluogo a fine novembre 2018.

L’Agenzia Nazionale beni sequestrati e confiscati, ha pertanto intimato il rilascio dell’immobile entro 120 giorni dalla data di notifica.
Nella mattinata di mercoledì le forze dell’ordine hanno pertanto provveduto allo sgombero.

Sulla vicenda, nella prima mattinata di oggi, giovedì 26 settembre, è intervenuto anche il sindaco di Pescara, Carlo Masci il quale tramite social, dopo aver brevemente ripercorso quanto avvenuto (documentato con alcune immagini), ha annunciato quanto segue:

Utilizzeremo questa casa per dare risposte concrete ai cittadini onesti, continueremo a combattere fino in fondo i delinquenti.

fonte foto