Ultimo aggiornamento sabato 24 Ago 2019 19:56
Search

Pescara beffato nel finale dallo Spezia, finisce 2-2

Due punti gettati alle ortiche. Il Pescara due volte in vantaggio con Fornasier e Lapadula, si fa rimontare da uno Spezia guardingo e mai fuori dal match. La squadra di Di Carlo sfrutta un’incertezza di Fiorillo sul gol del 2-1 con Catellani, mentre al novantesimo ancora il numero 10 spezzino si procura il rigore decisivo su un fallo azzardato di Fornasier che entra in scivolata con molta irruenza in piena area di rigore. Il capitano dello Spezia Terzi si incarica della battuta e trafigge Fiorillo per il gol del definitivo 2-2.

Nel primo tempo sono pochissimi li spunti degni di nota. La gara è resa soporifera soprattutto dal gioco dell

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Spezia, volto alla difesa del risultato e del campo. Il neo tecnico dello Spezia Domenico Di Carlo, schiera un 4-4-2 ultra difensivo, con le linee molto strette e marcature quasi asfissianti sui portatori di palla.

Il Pescara con il solito 4-3-1-2, gestisce a grandi linee il possesso palla senza però incidere più di tanto. L’azione più importante della prima frazione è di marca pescarese. Il solito Lapadula, gira di testa un buon cross di Crescenzi dalla sinistra, ma purtroppo la mira è centrale e Chichizola trattiene la sfera senza difficoltà. La ripresa è nettamente più vivace, tanto che il Pescara sblocca il risultato dopo appena 50 secondi con il primo gol stagionale del difensore Michele Fornasier. L’ex blucerchiato corregge di testa su un calcio d’angolo, dopo la precedente spizzata di Mandragora.

La squadra di Oddo inizia a respirare, complice anche uno Spezia che si sbilancia alla ricerca del pari. Intorno al ventesimo però, il Pescara raddoppia con il nono centro stagionale di Lapadula. Ripartenza fulminante di Verre che triangola con il bomber biancazzurro che davanti al Chichizola lo trafigge con freddezza. La gara sembra incanalarsi verso il binario giusto ma lo Spezia è sornione e accorcia qualche minuto più tardi con Catellani, complice uno svarione di Fiorillo che non trattiene un tiro tutt’altro che difficile da controllare.

Nonostante il gol il Pescara non si scompone e colpisce un incrocio dei pali con Verre ed un palo che ha del clamoroso ancora con Lapadula. La beffa però arriva al novantesimo quando un fallo di Fornasier in piena area di rigore su Catellani, provoca il calcio di rigore che regalerà il pareggio allo Spezia. Dagli undici metri Terzi realizza il gol del pareggio. L’ultimo sussulto è ancora del Pescara, quando all’ultimo secondo, il neo entrato Sansovini centra la traversa che fa crollare tutte le speranze dei tifosi del Pescara. Nel finale espulso Massimo Oddo per eccessive proteste nei confronti della terna arbitrale.

Riccardo Di Persio

Il tabellino della gara

PESCARA (4-3-1-2): Fiorillo, Zampano, Fornasier, Zuparic, Crescenzi, Memushaj, Mandragora, Verre, Benali (27’st Selasi), Lapadula (42’st Sansovini), Caprari (38’st Fiamozzi). In panchina: Aresti, Bunoza, Bruno, Sansovini, Cocco, Selasi, Mitrita, Fiamozzi, Forte. All. Oddo

SPEZIA (4-4-2): Chichizola, Tamàs (16’st Ciurria), Valentini, Terzi, Migliore, Milos, Canadjija, Acampora (23’st Brezovec), Situm, Catellani, Nené (42’st Rossi). In panchina: Sluga, Postigo, Piccolo, Rossi, Vignali, Ciurria, Misic, Brezovec, Azzi. All. Di Carlo

Arbitro: Pairetto di Nichelino (Del Giovane di Albano Laziale e Zappatore di Taranto)

Reti: 1’st Fornasier, 18’st Lapadula, 21’st Catellani, 45’st Terzi (rig.)

Ammoniti: Canadjija, Fornasier, Lapadula.

Note: recuperi 1’pt e 3’st