Ultimo aggiornamento sabato 17 Nov 2018 11:47
Search

Cani bloccati in una scarpata feriti e senza cibo per 2 giorni: salvati da protezione civile e cittadini [FOTO]

Erano scappati durante l’ondata di maltempo e pioggia di inizio settimana, facendo perdere le loro tracce, finendo in una scarpata e restando per due giorni senza mangiare e bere: questa la storia, fortunatamente a lieto fine, avvenuta a Silvi e che ha avuto come protagonisti due cani da caccia razza Breton, alcuni cittadini, i volontari della Protezione civile di Silvi, e la polizia locale.
Per guardare la galleria di foto clicca sull’immagine qui di seguito:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Tutto ha avuto inizio lunedì scorso, 29 ottobre, quando i due cani, durante il temporale che ha colpito l’Abruzzo, sono scappati via, probabilmente impauriti, dalla loro abitazione.
Nella fuga i due animali sarebbero scivolati in una scarpata.

Nell’impossibilità di muoversi, e feriti, i cani sono rimasti per due giorni bloccati nella scarpata nella quale erano finiti, senza poter mangiare né bere.
Nel pomeriggio di oggi, mercoledì 31 ottobre, però, la svolta che ha evitato un esito tragico della vicenda.

Nel primo pomeriggio odierno, infatti, la titolare del negozio Ceramiche Recchiuti in via Roma a Silvi ha notato, dietro a una recinzione nei pressi del proprio negozio,  la presenza dei due cani da caccia, i quali sarebbero rimasti all’apparenza immobili nonostante la donna si fosse avvicinata per cercare di comprendere quali fossero le loro condizioni.
Tremanti poiché affamati e feriti, i due animali erano però vivi. La donna ha pertanto lanciato l’allarme, allertando la polizia locale e Sabrina Del Trappeto, una giovane donna da sempre attiva nel sostegno agli animali a Silvi.

Si è così attivata la macchina dei soccorsi, e sul posto, allertati da Sabrina, sono giunti i volontari della Protezione civile di Silvi con il caposquadra Matteo Coviello e il volontario Pasquale Pagliara, la guardia zoofila Ottavio Mennella, e un veterinario, la dottoressa Maria Laura Borsini.
Le due cagnoline, grazie all’impegno del personale intervenuto, e nonostante le difficoltà dovute alla loro condizione e posizione, sono state prelevate e poi trasferite nello studio della veterinaria intervenuta.

La polizia locale giunta sul posto si è invece occupata di rintracciare il proprietario dei due animali per informarlo sul loro avvenuto ritrovamento.
Una storia quindi a lieto fine con le due cagnoline che, dopo il primo soccorso ricevuto nello studio veterinario, sono state riconsegnate al padrone, che lunedì scorso ne aveva denunciato la scomparsa e che, col passare dei giorni e delle ore, aveva quasi perso le speranze di poter riabbracciare i suoi animali.

E la vicenda ha avuto anche un ulteriore aspetto degno di nota: tutte le persone intervenute lo hanno fatto in maniera totalmente gratuita, mettendo a disposizione le loro competenze e la loro professionalità, e quindi il proprietario non ha dovuto sostenere alcuna spesa. Incredulo per l’esito positivo delle ricerche e per la generosità dimostrata da tutti i protagonisti, il proprietario ha ringraziato tutti per il salvataggio dei due animali e per la disponibilità dimostrata da tutte le persone intervenute.