Ultimo aggiornamento venerdì 21 Set 2018 16:23
Search

Un gioiello dell’arte medievale in Abruzzo: gli affreschi di Bominaco [FOTO]

Nel cuore delle montagne dell’Abruzzo aquilano si conserva uno di quei meravigliosi incontri tra arte e natura che rendono tanto affascinante il Medioevo: l’Oratorio di San Pellegrino a Bominaco è lo scrigno che contiene uno dei più suggestivi cicli pittorici italiani del XIII secolo, un’opera che solo in anni recenti stiamo comprendendo in tutta la sua importanza.
Per guardare la galleria di foto clicca sull’immagine qui di seguito:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Messe infatti da parte, grazie soprattutto agli studi della storica dell’arte Vinni Lucherini, le favolistiche ipotesi sugli artisti gotici viaggiatori, gli affreschi di Bominaco sono da attribuire a una maestranza di pittori di origine e formazione romana: realizzati probabilmente intorno al 1263, i dipinti ricoprono le pareti del piccolo edificio con una ricca serie di Storie della Vergine, di Cristo e di san Pellegrino, immagini di santi e profeti biblici e, ancora, il suggestivo calendario liturgico affrescato vicino all’altare, una vera chicca iconografica.

E davvero c’è di che meravigliarsi che in una chiesa tanto piccola e umile, così semplice nelle forme architettoniche, si venisse a realizzare un ciclo di pitture così ampio e sontuoso: nell’immaginario e nel fervore religioso del Medioevo, tanto diversi dal nostro, anche una chiesetta sperduta tra i monti meritava di essere abbellita dai migliori artisti a disposizione.

Cosa di meglio, per accogliere i viandanti e i pellegrini, che posizionare ai lati dell’ingresso l’Entrata di Cristo a Gerusalemme e la gigantesca figura di san Cristoforo che aiuta il piccolo Gesù ad attraversare il fiume? O, più in là, di san Martino che dona il mantello al povero? O ancora, a stimolare la pietà dei fedeli, della bellissima e drammatica sequenza con la Flagellazione di Cristo, la Deposizione dalla croce e la Deposizione nel sepolcro? Come ha mostrato lo storico dell’arte Jérôme Baschet, a Bominaco la immagini sono scelte in maniera oculata per accompagnare il fedele all’interno dello spazio sacro, in una organizzazione razionale e programmata.
L’Abruzzo ha insomma la fortuna di conservare un autentico gioiello artistico: peraltro, gli affreschi di Bominaco costituiscono uno dei cicli pittorici meglio conservati di quel secolo stupendo, ma tanto devastato da perdite e distruzioni, che fu il Duecento.

Mario Cobuzzi

Arte e Parte è una rubrica di storia dell’arte abruzzese antica e contemporanea curata da Mario Cobuzzi (Kunst. Appunti di storia dell’arte) e Marco Pacella, (Twitter: @marco_pacella)


TAG