Ultimo aggiornamento lunedì 09 Dic 2019 17:33
Search

Laurea online: le ragioni del boom

Per chi sogna la laurea ma non riesce a dedicare il giusto tempo ai corsi, alla presenza o al pendolarismo, le università telematiche sono la soluzione perfetta.

Questa tipologia di percorsi di studio si stanno affermando sempre di più in Italia, in un periodo in cui far combaciare studio e lavoro è una priorità di molte persone, grazie alla diffusione sempre più diffusa di linee internet veloci ed efficienti e a una maggiore attenzione per le opportunità alternative di crescita personale e di affermazione nel mondo del lavoro.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Superata la diffidenza iniziale, in cui spesso ci si imbatte quando si parla di laurea online, è ormai facile trovare università telematiche riconosciute dal MIUR, come ad esempio Unicusano che è ufficialmente riconosciuta dal 2006. Quindi, il titolo ottenuto presso un’università online è valido a norma di legge, proprio come quello conseguito presso un’università tradizionale.

La forte attrattività delle università online è dovuta prevalentemente all’ottimizzazione del tempo. Infatti, studiare a casa propria, evitando lunghi spostamenti, traffico o mezzi pubblici, è un plus molto appetibile soprattutto per chi ha un lavoro o una famiglia al quale dedicare molto tempo.

Avere tutto a disposizione sul proprio dispositivo elettronico, che sia esso un pc, un tablet o addirittura lo smartphone, permette allo studente di organizzare al meglio il proprio tempo, riuscendo comunque a investire con ogni possibilità su se stesso, acquisendo maggiori competenze e studiando nel tempo che più conviene al soggetto. Inoltre, una caratteristica sempre più diffusa presso le università telematiche è l’alta specializzazione del corpo docenti, i quali in molti casi ricoprono ruoli anche in prestigiosi e storici atenei.

Le università telematiche sono anche convenienti da un punto di vista economico, aiutando ad ottimizzare non solo il tempo. I costi di immatricolazione, infatti, sono ammortizzati dalla possibilità di studiare da casa che vuol dire niente spese di affitto per studiare in altre città o stancanti viaggi quotidiani. In poche parole, la comodità incontra la tecnologia, facendo sì che lo studente abbia minor tempo da dedicare alla burocrazia e più tempo libero per assecondare le proprie passioni.

Tutti questi fattori hanno fatto sì che si registrasse un forte aumento delle iscrizioni: nell’anno accademico 2010/11 il totale era inferiore alle 40.000 unità, mentre nel 2017/18 il numero è salito fino a superare i 93.000 iscritti. L’aumento più importante è stato riscontrato negli ultimi tre anni accademici considerati, avvenuto fra il 2015/16 e il 2017/18, con un balzo in avanti di più di 38.000 unità in confronto al 2014/15, per una crescita di oltre il 69%.

Cifre importanti, simbolo di un cambiamento di rotta da parte degli studenti italiani che, però, non stupisce in un periodo in cui la tecnologia ormai fa parte di ogni momento della nostra vita. La possibilità di ottenere un titolo di studio universitario abbattendo numerose barriere è molto allettante, ancor più se le università telematiche ad oggi presenti in Italia offrono numerosi corsi di laurea, servizi per gli studenti e un tutor che seguirà passo per passo gli iscritti, per concludere al meglio il proprio percorso.