Ultimo aggiornamento lunedì 09 Dic 2019 17:33
Search

Bici elettriche e carrozzine pineta Dannunziana: prezzi e tariffe noleggio

Bici elettriche e carrozzine elettriche nella riserva Dannunziana di Pescara: prezzi e tariffe noleggio e modalità e tempi per utilizzo e affitto.
Il Comune di Pescara ha fornito i dettagli relativi ai mezzi messi a disposizione nell’area verde nella zona sud della città.

Nello specifico si tratta di un progetto avviato 2 anni fa con l’acquisto di mezzi specificamente allestiti per il movimento su terra accidentata, e in particolare di:

Inserisci il tuo codice AdSense qui
  • 10 biciclette elettriche
  • 4 carrozzine elettriche

Per quanto riguarda i mezzi in questione, come spiegato dal Comune di Pescara,

“Il gestore però non ha potuto mai farle attivare per mancanza di un disciplinare di erogazione che ne regolava l’uso. Con la delibera approvata in Giunta, l’attuale gestore, il Consorzio De Rerum Natura, potrà finalmente avviarne l’erogazione e i cittadini potranno utilizzare i mezzi parcheggiati davanti all’Aurum”.

Il responsabile del Servizio Verde Pubblico e Parchi, Mario Caudullo, ha fornito i dettagli sui prezzi per l’utilizzo di bici e carrozzine:

“La tariffa, per le biciclette elettriche è stata fissata a 5 euro per 4 ore. Chi non le riporta entro l’orario stabilito, dovrà pagare un sovrapprezzo di 10 euro. Chiunque invece voglia usarle per tutta la giornata dovrà pagare 15 euro. Per le carrozzine elettriche le prime quattro ore saranno gratuite, ma superato tale orario si pagherà 10 euro. Usarle per tutta la giornata costerà 10 euro. Si potrà andare con i mezzi all’interno dei percorsi tracciati nei parchi e nelle strade afferenti i parchi e inclusi nel PAN, che arriva fino al Mare e ingloba anche quattro stabilimenti balneari. Sarà pertanto possibile utilizzare le carrozzine per conoscere il parco e per spingersi fin sulla riva del mare”.

Queste invece le parole del vicesindaco Gianni Santilli:

“I mezzi sono stati acquistati 2 anni fa e collaudati l’anno scorso a fronte di una spesa di 50mila euro. Oggi finalmente abbiamo tutte le carte in regola per poter permetterne la fruizione a chi desidera usarle all’interno della riserva, che include i parchi e le strade inserite nel PAN.”