Ultimo aggiornamento sabato 28 Mar 2020 23:39
Search

Volontari organizzano eventi per pulire spiaggia da rifiuti: ecco Pescara Beach Clean Up

Pulire la spiaggia dai rifiuti e sensibilizzare la popolazione al rispetto della natura e dell’ambiente in maniera pratica e operativa: questo, in estrema sintesi, l’obiettivo di Pescara Beach Clean Up.
Nello specifico si tratta di una community nata dall’idea di Matteo Taraborrelli, attraverso la quale si creano degli appositi eventi nei quali dei volontari “armati” solamente di pazienza, buoni propositi, e voglia di tutelare un patrimonio di tutti, si incontrano per ripulire dei tratti di spiaggia dai rifiuti presenti.

Al momento l’iniziativa, grazie anche al meteo favorevole, si sta sviluppando tramite eventi settimanali, durante i quali i volontari si occupano di pulire i tratti di spiaggia libera della città.
L’iniziativa sta destando l’interesse anche di altri semplici cittadini, e la community sembra crescere a ogni appuntamento.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

A illustrare i dettagli e il funzionamento dell’iniziativa Pescara Beach Clean Up, uno dei suoi ideatori, Matteo.
Ecco che cosa ci ha raccontato in un’intervista realizzata a nome dell’intera community:

Raccontaci brevemente chi sei e di cosa ti occupi
Sono Matteo, un semplice cittadino di 28 anni con una grande passione del mare, ho una scuola di Stand Up Paddle (Sup) dal nome Blue Wave Asd e sfrutto il mare tutto l’anno solcando le acque in ogni condizione.

Come ti è nata questa idea?
Proprio per questo e per la volontà di fare della mia passione un lavoro è nata Pescara Beach Clean Up: il problema dell’inquinamento è a livello globale e, oltre le direttive Europee, possiamo dare una mano a valorizzare la nostra città attraverso un ambientalismo pratico-operativo.
Durante la stagione invernale le spiagge subiscono un grave abbandono dalle autorità preposte e contemporaneamente al menefreghismo cittadino che contribuisce abbandonando i rifiuti.
Vista l’importanza delle spiagge (come anche altri luoghi) bisognerebbe valorizzarle e tenerle pulite sia per un motivo etico/morale, sia per la sicurezza tenendo a mente che un rifiuto lasciato alla mercé degli agenti atmosferici può deteriorarsi fino al punto di non essere più riciclato.
Cosa altrettanto grave è quando la plastica si smembra fino a diventare la Microplastica costituendo una minaccia ben più grave poiché difficile da combattere.

In cosa consiste praticamente Pescara Beach Clean Up?
Pescara Beach Clean Up è una community di persone volontarie che hanno la stessa visione e che si impegnano per sensibilizzare e coinvolgere quanto più possibile agli eventi di raccolta il cittadino.
Tengo a precisare che ci occupiamo delle spiagge libere demaniali e non quelle private date in concessione ai balneatori: in ogni caso non ci sostituiamo agli enti preposti alla cura dei luoghi pubblici svolgendo il loro lavoro ma, invece, operiamo per dare un buon esempio compensando, di conseguenza, l’abbandono invernale.

Chi è stato coinvolto nell’iniziativa fino a questo momento?
Non sono solo, nell’organizzazione troviamo Marco, Manuela e Chiara che ha una pagina contenente tanti consigli per diminuire l’impatto ambientale nella vita quotidiana: Ethical Choice.
Oltre a loro ci sono tante altre persone vicine che ci aiutano e credono nell’ambientalismo aderendo alle manifestazioni, impegni permettendo.
Come partners abbiamo coinvolto la società Ambiente per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, dal prossimo evento ci aiuteranno fornendoci i materiali necessari alla raccolta.
Nell’ultima pulizia un gruppo di Scout si è aggiunto spontaneamente alla raccolta e puntiamo molto su collaborazioni di questo genere.

Che riscontro avete notato?
Stiamo crescendo, notiamo con piacere che l’ambientalismo è un settore che sensibilizza tutti e questo non fa altro che spingerci a un attivismo costante.

Qual è il prossimo evento in programma?
Domenica 23 febbraio presso la spiaggia libera Ventoforte (Pescara Sud), compresa tra Lido 186 e Mare Blu, ci sarà la 4^ Beach Clean Up.
Il ritrovo è alle ore 10 davanti alla suddetta spiaggia e dopo aver fatto un’introduzione a una raccolta efficace e sicura si parte armati di guanti e buste.
Al termine ci sarà un estrazione, in palio una lezione di SUP per 2 persone con la Blue Wave ASD.