Ultimo aggiornamento mercoledì 11 Dic 2019 23:18
Search

Cittadinanza onoraria Liliana Segre: Spoltore pronta a conferire riconoscimento

Cittadinanza onoraria a Liliana Segre, Spoltore pronta a conferire riconoscimento: questo l’annuncio del Comune e del sindaco Luciano Di Lorito alla luce della mozione presentata dal consigliere Francesca Sborgia.

Nello specifico la mozione presentata dal consigliere Sborgia dovrebbe essere discussa durante i lavori del prossimo consiglio comunale di giovedì 14 novembre, alle ore 17.
La mozione in questione, come annunciato dal Comune,

Inserisci il tuo codice AdSense qui

chiede al consiglio di impegnare sindaco e giunta ad “aderire alla “Rete dei comuni per la memoria, contro l’odio e il razzismo” e “avviare il procedimento per conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre”. Il testo chiede inoltre di sostenere il percorso della Commissione istituita dal Senato della Repubblica, nata proprio su impulso della Segre per combattere il fenomeno dell’hate speech (i discorsi che incitano all’odio sul web), con adeguate iniziative d’informazione sui risultati del suo lavoro e fornendo, quando necessario, sulla base di riscontri rilevati in ambito locale, elementi utili al lavoro della stessa Commissione. Si ricorda infine l’importanza di “coltivare la memoria dell’antifascismo e della lotta contro tutti i totalitarismi, dei crimini compiuti nelle guerre coloniali, delle leggi razziali, della persecuzione degli ebrei e dalla Shoah, degli eccidi delle foibe, collaborando con le associazioni per la tutela e la valorizzazione della memoria della Resistenza, aiutando la ricerca storica, lo studio della storia contemporanea e l’educazione alla cittadinanza nelle scuole”.

Ecco, a tal proposito, le parole del sindaco Di Lorito:

“Sta accadendo qualcosa di inquietante e vergognoso in Italia. Noi vogliamo sentirci estranei a tutto questo, perché esprimersi su certi valori non può essere paragonato ad assumere una posizione politica. La lotta al razzismo, alla xenofobia e a tutte le forme di discriminazione sono un prerequisito per partecipare a qualsiasi dibattito pubblico, anzi aggiungerei a tutte le forme di vita civile e all’interno di una qualsiasi comunità”.

Questo invece il commento del consigliere Francesca Sborgia, che ha presentato la mozione:

“Sono sicura che il testo da me presentato troverà pieno consenso e appoggio non solo della maggioranza, ma di tutto il consiglio. Vogliamo anche creare” aggiunge “nuove azioni di sensibilizzazione culturale e civica contro il razzismo e la xenofobia e contro le discriminazioni di religione, in collaborazione con le diverse comunità di fede ed etniche, anche con lo scopo di promuovere e condividere le regole di cittadinanza: sollecitiamo il Parlamento perché si completi la legislazione in contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza e le istituzioni preposte all’impegno alla vigilanza preventiva e all’applicazione più rigorosa delle misure previste dalla legislazione vigente”.