Ultimo aggiornamento venerdì 21 Set 2018 16:36
Search

Docudì Cinema, “Looking for flowers in Islamabad” con registi e autore l’8 marzo

Nuovo appuntamento con Docudì Cinema, la rassegna organizzata e proposta dall’assessorato alla Cultura del Comune di Pescara e l’Acma (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese), in collaborazione con il Festival del documentario d’Abruzzo-Premio internazionale Emilio Lopez che si tiene al museo Vittoria Colonna.

Alle ore 17:30 verrà proiettato il documentario “Looking for flowers in Islamabad” di Nicola Lucini e Simona Seravesi

Inserisci il tuo codice AdSense qui

All’appuntamento saranno presenti il regista Nicola Lucini, Simona Seravesi, coregista e antropologa, e Antonella Bertolotti, psichiatra e fondatrice della Onlus Intermed.

“Looking for flowers in Islamabad” è stato accolto nel circuito di Amnesty International: “il comitato che all’interno di Amnesty International si occupa della concessione dei patrocini, ha deciso di concederlo al suo documentario “Looking for Flowers in Islamabad”, poiché risponde ai valori che ispirano il lavoro di Amnesty International”.

Nell’aprile del 2013 Simona Seravesi, un’antropologa, Nicola Lucini, un regista e Antonella Bertolotti, psichiatra e fondatrice della Onlus Intermed, decidono di fare un viaggio in Pakistan. L’idea nasce dalla volontà di Simona di tornare nel Paese dove ha vissuto per circa due anni lavorando nell’Oms, l’organizzazione mondiale della sanità.
Il legame con il Paese è forte, così come con le numerose persone incontrate. I tre amici vanno alla ricerca dei “preziosi fiori” di Islamabad, donne e situazioni che documentano “un altro Pakistan”.

L’incontro con la comunità Transgender svela un lato del Paese poco conosciuto laddove una terza identità, quella dei Tg è stata da poco riconosciuta. “Looking for flowers in Islamabad” si rivela così un percorso in una città in cui la maggior parte delle persone sogna di vivere in un “paese normale”.