Ultimo aggiornamento giovedì 09 Lug 2020 11:25
Search

Sicurezza a Pescara, sindaco incontra commercianti centro città con comandante vigili [FOTO]

Sicurezza a Pescara, il sindaco incontra i commercianti del centro città con il comandante della polizia municipale.
Il primo cittadino di Pescara, insieme al comandante Danilo Palestini, nella mattinata di oggi, martedì 30 giugno, ha infatti incontrato diversi commercianti della zona del centro.
Per guardare la galleria di foto clicca sull’immagine qui di seguito:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Obiettivo dell’iniziativa, come specificato dal Comune, quello di “sentire dalla voce dei diretti interessati quale sia la percezione della sicurezza da parte degli operatori economici che quotidianamente vivono e gestiscono negozi e pubblici esercizi nell’area del capoluogo con il più alto afflusso di traffico pedonale”.

Nello specifico l’iniziativa si è svolta nella zona di corso Vittorio Emanuele II (nel tratto compreso tra piazza della Repubblica a piazza dei Martiri Pennesi), in piazza Santa Caterina e nel primo tratto della strada parco.
Questi i dettagli forniti dal sindaco Masci:

“Ho avuto modo di verificare in prima persona come sia del tutto fuori luogo la drammatizzazione della realtà operata per pura strumentalizzazione politica da parte di chi vuol cavalcare una tigre che non c’è. Se vi sono persone moleste, spesso ubriache, che stazionano in quel tratto del corso fino al limitare di via Pellico, è evidente che costoro debbano essere controllati e riportati a più miti consigli. In generale la condizione che mi hanno raccontato i commercianti è di sostanziale vivibilità e se vi è qualche aspetto di criticità questo va ascritto a punti isolati e a pochi individui già noti alle forze dell’ordine. Come amministrazione comunale da circa un anno abbiamo un agente di polizia municipale, il cosiddetto vigile di quartiere, che controlla quella parte della città e che gira continuamente per vigilare e rispondere alle segnalazione con solerzia e attenzione. E questo, da ciò che i commercianti mi hanno riferito, ha migliorato molto la percezione della sicurezza. Non dimentichiamoci poi il presidio della Polizia municipale sull’aree di risulta, al vecchio silos. Non è quindi il caso che si alimentino conflitti e tensioni che non abbiamo alcun bisogno di far crescere soprattutto quando non ce ne è motivo”.
Nell’ultimo tratto di Corso Vittorio Emanuele i commercianti hanno denunciato come la pensilina che lì insiste sia divenuto più un punto di aggregazione e assembramento che una fermata dove attendere il bus.
“Questo è un aspetto che approfondiremo con la Tua (società che gestisce il trasporto pubblico). Ma l’occasione è propizia anche per sottolineare come l’amministrazione comunale, tramite l’attività della polizia Muncipale, non debba e non possa sostituirsi ai Corpi dello Stato che sono deputati a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica alle dirette dipendenze del Rappresentante del Governo e del Questore. L’amministrazione si occupa infatti di sicurezza urbana. Ciò non significa che si voglia rinunciare al nostro ruolo sussidiario, agiamo nell’esclusivo interesse delle attività economiche come sta a dimostrare la presenza di un vigile di quartiere – che tutti possono contattare in qualsiasi momento telefonicamente. Il maresciallo Troiano, che si occupa di questo servizio, ora amplierà il numero di passaggi nel punto al limitare di piazza Martiri Pennesi. Ciò che è certo è che l’amministrazione c’è, il sindaco anche. Auguro a tutti i titolari dei pubblici esercizi un buon lavoro in questa fase post-Covid che certamente non è agevole ma che dobbiamo affrontare con coraggio”.