Ultimo aggiornamento martedì 25 Feb 2020 17:46
Search

Mercato ittico Pescara chiuso 7 giorni dopo sopralluogo Nas e Asl: tempi, dettagli e nota Comune

Mercato ittico di Pescara chiuso per 7 giorni dopo il sopralluogo effettuato oggi, venerdì 14 febbraio, dai Nas, da un funzionario della Asl, dal dirigente e dal responsabile dell’Ufficio Mercati del Comune: questa la decisione del sindaco di Pescara, Carlo Masci, in riferimento al mercato ittico situato sul lungofiume nord, nei pressi della Madonnina.

Il Comune di Pescara sulla vicenda ha diffuso una nota nella quale sono stati forniti i dettagli sulla vicenda, la sospensione dell’attività e il relativo atto firmato dal sindaco Masci, le modalità e la tipologia di interventi previsti durante la chiusura, e gli eventuali tempi per la riapertura.
Ecco le informazioni fornite dal Comune sul mercato ittico:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Il mercato ittico al minuto di Pescara, sul lungofiume nord, resterà chiuso per sette giorni a partire da domani per dar modo alle strutture comunali di intervenire con opere di adeguamento della struttura. Saranno infatti eseguiti una serie di lavori per rimettere in perfetta efficienza gli spazi interni all’edificio. In particolare sono previste attività di pulizia straordinaria di pareti, pavimenti, locali tecnici e servizi igienici; lo stesso dicasi per la manutenzione straordinaria di impianti, scarichi ed infissi. La decisione è stata assunta dal sindaco di Pescara Carlo Masci a seguito di un sopralluogo eseguito questa mattina dal dirigente e dal responsabile dell’Ufficio Mercati del Comune congiuntamente ad operatori del Nas e a un funzionario della locale Asl; dai controlli sono emerse alcune criticità che l’amministrazione ha immediatamente recepito. Nel pomeriggio il primo cittadino ha infatti firmato l’atto di sospensione dell’attività che coinvolge le sei ditte commerciali che operano all’interno del mercato. L’obiettivo è naturalmente quello di mettere in tempi molto brevi gli operatori economici nelle migliori condizioni possibili di esercizio dell’attività, rendendo nel contempo meglio fruibili e più accoglienti i locali, pur sapendo che questo comporterà un disagio per i concessionari. Il sindaco Masci e l’assessore al Commercio Cremonese in queste ore sono comunque a lavoro per consentire alle ditte interessate di usufruire per questi sette giorni di uno spazio alternativo dove poter effettuare la vendita. Gli uffici comunali preposti puntano comunque a poter riaprire il mercato al più tardi per venerdì 21 febbraio.

fonte immagine