Search

Divieto botti Pescara, ordinanza: giorni, controlli e multe previste

Botti vietati a Pescara, l’ordinanza del sindaco con i giorni e le multe previste.
Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, ha firmato un’ordinanza che vieta l’utilizzo e lo scoppio di petardi e fuochi pirotecnici nella città adriatica durante le festività a cavallo tra la fine dell’anno e l’inizio del 2021 (ordinanza simile è stata firmata anche dal primo cittadino di Città Sant’Angelo, leggi i dettagli su QUESTO LINK).

L’ordinanza del sindaco Masci per Pescara è valida dal 30 dicembre 2020 al 7 gennaio 2021, e per i trasgressori sono previste multe da 25 a 500 euro, fatte salve le sanzioni per ulteriori illeciti. 
Di seguito ciò che prescrive l’ordinanza sindacale N° 211 DEL 30/12/2020 firmata dal sindaco di Pescara, Carlo Masci, e avente per oggetto “Divieto di scoppio di petardi e simili in aree pubbliche e private a uso pubblico sino al 7 gennaio 2021”:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

ORDINA

per i motivi richiamati in premessa, dalla data odierna fino al 7 gennaio 2021, il divieto:

1. di effettuare lo scoppio di petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico, e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi ad uso pubblico;

2. dell’utilizzo di fuochi pirotecnici, non posti in libera vendita, nei luoghi privati, senza la licenza di cui all’art. 57 TULPS;

3. dell’utilizzo di giochi pirotecnici, anche di libera vendita, nei luoghi privati senza rispettare le istruzioni per l’uso stabilite sulle etichette, e le prescrizioni di cui al D.L. 58/2010;

DISPONE PARTICOLARE VIGILANZA

per contrastare la vendita dei materiali suddetti non conforme a quanto disposto dal D.lgs. n. 58/2010, (con particolare riferimento all’art. 5 che definisce vincoli per la vendita ai minori), e il loro uso non conforme a quanto disposto nella presente ordinanza per tutto il suddetto periodo;

RACCOMANDA

a) a tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, lastrici solari, luci e vedute e simili prospicienti la pubblica via, aree pubbliche o private ad uso pubblico di limitarne e controllarne l’uso per la effettuazione di spari, scoppi, lanci di giochi pirotecnici, mortaretti, e simili, e comunque di evitare il lancio di detti artifìci, nonché la caduta di altri oggetti pericolosi per la pubblica incolumità, verso luoghi pubblici o di uso pubblico;

b) a genitori e tutori di minori, di vigilare sul corretto uso dei dispositivi nei luoghi privati, sul rispetto delle istruzioni, e per evitare che i minori raccolgano ordigni inesplosi;

c) ai proprietari di animali d’affezione, di vigilare e attivarsi affinché il disagio degli animali determinato dagli scoppi non causi danni alle persone e agli animali medesimi;

AVVERTE

– che le violazioni alle suddette disposizioni sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da euro 25,00 a euro 500,00, fatte salve le sanzioni per ulteriori illeciti;
– che avverso il presente provvedimento può essere proposto ricorso al Tribunale Amministrativo della Regione Abruzzo entro 60 giorni dalla notifica dello stesso, oppure in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il termine di 120 giorni dalla notifica del provvedimento medesimo.

Del presente provvedimento è data comunicazione:
– al Prefetto di Pescara;
– alla Questura di Pescara;
– al Comando Provinciale dei Carabinieri;
– al Comando Provinciale della Guardia di Finanza;
– al Comando della Polizia Municipale.

foto di repertorio