Ultimo aggiornamento martedì 10 Dic 2019 18:51
Search

Furti aziende Valpescara, sgominata banda: 7 misure cautelari per associazione per delinquere e ricettazione

Furti in aziende e cantieri della Valpescara, sgominata una banda da parte dei carabinieri: 7 persone colpite da ordinanza di custodia cautelare, notificate dai militari oggi, lunedì 24 giugno.
Nello specifico 4 persone sono state arrestate (3 in carcere e 1 ai domiciliari), per due sono scattati gli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria per un’ultima l’obbligo di dimora.

Nella mattinata odierna, nell’ambito dell’operazione Multipla, i carabinieri della Compagnia di Popoli (il cui Nucleo operativo ha condotto le indagini) insieme con i colleghi della Compagnia di Pescara, di Montesilvano e Gioia del Colle, del Nucleo Cinofili di Chieti e del Nucleo Operativo Ecologico di Pescara, hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare e altrettanti decreti di perquisizioni, nei confronti di un 57enne, un 66enne, un 56enne e un 28enne, e di altri tre indagati.
Tutte le persone coinvolte sarebbero ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e ricettazione.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Le indagini dei militari sono partite nel maggio dello scorso anno, quando venne controllato un uomo alla guida di un veicolo carico di rame di provenienza illecita.
Le attività investigative, supportate anche da intercettazioni telefoniche e ambientali avrebbero poi permesso di comprendere come l’uomo controllato facesse parte di un sodalizio criminale dedito a furti tra le province di Pescara e L’Aquila.

Le successive indagini avrebbero poi permesso di ricostruire la struttura organizzativa e i vari ruoli dei componenti, e di individuare anche quello che è stato definito come il “centro di ricettazione e smistamento della refurtiva”, situato a Montesilvano.

Le persone coinvolte nella vicenda, pescaresi, baresi e napoletani, avrebbero noleggiato delle autovetture facendo da “spola” tra le imprese derubate, la loro base logistica, e il “centro di ricettazione”.
L’organizzazione avrebbe avuto come vittime principalmente cantieri e imprese edili. Tra queste:

  • Edilcema di Popoli (furto perpetrato il 23 maggio 2018, nel quale sarebbe stato asportato un ingente quantitativo di materiale in rame e per edilizia),
  • Euredil 2000 Srl di Tocco da Casauria (furti compiuti il 6 aprile, 7 aprile, 8 aprile, 23 aprile, 5 e 11 maggio 2019 nei quali sarebbe stato asportato rame e materiale per edilizia)
  • Prima Srl di Popoli (furto del 23 maggio 2018 di rame e materiale per edilizia)
  • discoteca Bliss di L’Aquila (furti subiti il 14 e 27 aprile 2019 con ingenti quantitativi di superalcoolici e speciali per attrezzature per illuminazioni asportati).

Secondo le stime, l’ammontare complessivo della refurtiva asportata si aggirerebbe attorno ai 100mila euro.
Nell’operazione è stato inoltre recuperato un veicolo utilizzato dall’associazione, un quintale di rame (asportato da una delle ditte depredate), e sequestrata preventivamente una ditta ritenuta punto di ricettazione della refurtiva.