Ultimo aggiornamento lunedì 01 Giu 2020 16:39
Search

Coronavirus, donna di Cappelle sul Tavo positiva, il sindaco: “Non è residente qui”

Una seconda persona di Cappelle sul Tavo, nella giornata di ieri, giovedì 19 marzo, è risultata positiva al Coronavirus in base al bollettino emesso dal Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione Abruzzo (leggi i dettagli QUI).
Il sindaco della cittadina in provincia di Pescara, così come era avvenuto nel primo caso segnalato (leggi QUI), ha però confermato che la donna non risiede a Cappelle sul Tavo.

Il sindaco di Cappelle sul Tavo, Lorenzo Ferri, nell’invitare la cittadinanza al rispetto delle regole, ha spiegato quanto segue:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

“Ci troviamo nuovamente a smentire la presenza di un contagio da Covid19 a Cappelle sul Tavo, così come avvenuto qualche giorno fa per il 31enne che lavora nel mondo sanitario come infermiere ed è originario del nostro comune vestino ma non risiede qui. Anche in questo secondo caso diffuso, ci troviamo di fronte ad un’infermiera, coniugata con il ragazzo della precedente smentita e dunque non vive a Cappelle sul Tavo. Tuttavia nelle prossime ore verranno presi ulteriori provvedimenti con delle ordinanze più restrittive su tutto il territorio in quanto la situazione è molto complessa e c’è la necessità assoluta di limitare, con un certo rigore, la diffusione del Coronavirus.
Naturalmente, dati alla mano, ci teniamo a rassicurare tutti gli abitanti di Cappelle sul Tavo, ma di fronte a questo nemico invisibile dobbiamo almeno idealmente essere tutti uniti, non potendolo fare fisicamente: ogni nuovo caso, vicino o distante che sia non è soltanto motivo di preoccupazione ma anche di profonda tristezza, dunque rivolgiamo il nostro pensiero a quanti devono fare i conti con questo virus ma anche ai loro famigliari che non possono prendersi cura di coloro che amano. Osserviamo con grande amarezza questa curva dei contagi che ogni giorno cresce siamo comunque vicini alla famiglia originaria del nostro comune risultata positiva al Covid19 e ringraziamo di cuore i sanitari per l’enorme lavoro che stanno facendo in questo difficilissimo periodo poiché com’è evidente mettono a repentaglio la loro vita e la salute dei loro cari”.