Ultimo aggiornamento martedì 15 Ott 2019 09:17
Search

Nuova terapia per l’artrosi in Abruzzo

Tra le malattie più invalidanti che colpiscono la maggior parte della popolazione anziana, troviamo l’artrosi.
In Abruzzo una persona su due soffre di artrosi superati i 60 anni; più le donne che gli uomini ne vengono colpite. La nuova scoperta in ambito medico è la possibilità di curare l’artrosi, patologia che colpisce l’articolazione provocando dolore ed altri segni e sintomi, con l’utilizzo di un particolare macchinario a “radiofrequenza medica”.

Tramite studi su casi clinici colpiti dalla patologia in oggetto, si è arrivati a poter affermare nel 60 per cento dei casi la completa risoluzione del dolore artrosico anche nei soggetti che ne soffrivano da anni. Questo è dovuto agli effetti benefici sull’infiammazione e sul dolore stesso che senza l’utilizzo di farmaci e senza nessuna invasività della metodica permette di ottenere miglioramenti anche in soggetti che non risultano ottenere miglioramenti con le infiltrazioni articolari di farmaci.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

È una nuova speranza che aiuta e si aggiunge alle cure per contrastare questa malattia degenerativa, nei cui ultimi decenni si è visto un progressivo aumento di incidenza nella popolazione soprattutto per via dell’aumento della aspettativa di vita.
Ricordiamoci che il dolore artrosico e la rigidità sono la prima causa di immobilità nelle persone anziane, che smettono di muoversi e fare qualsiasi tipo di attività fisica, con la conseguenza che sopraggiungo altre problematiche come la perdita di equilibrio, una diminuzione della forza e resistenza muscolare, aumentando così casi di osteoporosi, astenia, diminuzione della capacità respiratoria e disturbi cardiaci.

È il Dr. Francesco Daniele che promuove questa nuova cura di particolare efficacia, in Abruzzo, nei suoi studi all’Aquila e Montesilvano.

Informazione pubblicitaria