Ultimo aggiornamento lunedì 19 Ago 2019 19:59
Search

L’appello del Dog Village: «Basta minacce di abbandono dei cani ai nostri cancelli»

L’ultimo episodio si è verificato domenica 24 maggio intorno all’una di pomeriggio quando una residente di Pescara ha recuperato un cane all’uscita dell’autostrada a Marina di Città Sant’Angelo. Recuperato l’animale, la cittadina lo ha portato con sé a casa e ha avvisato l’Oipa, che si occupa del recupero dei cani smarriti sul territorio con le guardie zoofile. Intorno alle 19 una guardia zoofila si è recata a casa della residente per la lettura del microchip del quale il cane risultava sprovvisto. L’Oipa ha lasciato il cane in casa della cittadina che, non sapendo a chi rivolgersi, si è recata al Dog Village con la pretesa che il quattro zampe venisse preso.

Questa mattina, lunedì 25 maggio, la cittadina, intorno alle 11, è tornata di nuovo al Dog Village con nuove minacce di abbandono davanti alla struttura perché nessuno gli ha dato riscontro riguardo alla sistemazione del cane.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

«Vogliamo precisare», dicono i responsabili, «che il Dog Village è una struttura che può accogliere i cani recuperati sul territorio, che non hanno alcun microchip, quindi senza proprietario, solo previa autorizzazione dagli enti preposti come i Comuni, non tramite richiesta dei singoli cittadini. Il problema è che questi non trovano alcuna risposta fattiva da altre associazioni convenzionate, o dalle stesse istituzioni ma trovano più semplice e agevole che la struttura Dog Village possa sopperire alle altrui lacune e sotto la minaccia dell’abbandono dei cani legandoli davanti alla struttura. Chiediamo a tutti i cittadini di non recarsi più al Dog Village minacciando gli addetti volontari dell’abbandono dei cani davanti alla struttura, ma di rivolgersi direttamente ai Comuni di residenza e alla polizia municipale».

Il cane smarrito (nella foto in alto) cerca adozione, contattare il Dog Village 3683150760.