Ultimo aggiornamento mercoledì 13 Dic 2017 11:40
Search

Come aiutare il proprio animale ad affrontare e a vivere meglio il trasloco

Vivere un trasloco significa prepararsi di tutto punto, perché questa non è mai un’operazione facile: perché subentra lo stress, perché l’umore si fa nero per via dell’arrivederci alla propria famiglia, perché si lasciano gli amici e le abitudini e non si sa cosa si trova. Nonostante questi problemi, però, il trasloco può diventare anche più complesso: soprattutto per chi ha un cane o un gatto e deve ovviamente pensare anche alla sua salute prima, durante e dopo il trasferimento da una città ad un’altra.

Come affrontare un trasloco in generale?

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Prima di curarci della salute dei nostri pets, dobbiamo innanzitutto organizzare un trasloco concentrandoci su ogni dettaglio. Ad esempio, meglio prepararlo almeno due mesi prima del trasferimento, cominciando ad inscatolare per prime le cose che non ci servono e via via tutte le altre, man mano che la fatidica data si avvicina. E non conservate i pacchi in giro per casa, perché vi potrebbero deprimere: affittate un box o conservateli in soffitta o in cantina, per non rovinarvi gli ultimi giorni a casa. Infine, assicuratevi che le vostre cose più preziose siano imballate con una protezione adeguata, ed evitate di complicarvi la vita portando con voi le cose che potrete acquistare nella nuova città.

Come traslocare con il proprio animale domestico?

Una volta risolti i pesi maggiori del trasloco, potrete finalmente dedicarvi all’organizzazione del trasferimento del vostro animale. Contattate innanzitutto una ditta specializzata nella spedizione di animali come Blisspets, così da garantire al vostro cane o gatto un viaggio sicuro e confortevole. Fatto questo, non dimenticatevi di inscatolare le cose del vostro animale (ciotole, copertine e giochini su tutte), e di farlo solo all’ultimo, perché altrimenti indispettireste il vostro pet e gli rendereste più difficile il momento pre-trasloco, stressandolo ed innervosendolo. Altri consigli? Prenotate la visita dal veterinario per tempo, accertatevi che nel nuovo quartiere si trovi anche qualche parco o zona verde e non dimenticatevi di viziare come non mai in vostro cucciolo, in questo delicato momento.

Come fare abituare il cane alla nuova casa?

Adesso che avete traslocato, potete cominciare a far abituare il cane alla sua nuova casa. Sarebbe stato meglio portarlo in visita con voi nelle settimane precedenti, per fargli spargere qualche odore qui e là, ma comunque siete ancora in tempo per recuperare: fategli fare un bel giro del quartiere per farlo sentire al sicuro, ritagliategli uno spazio tutto suo in casa, non forzatelo se non è di buon umore e siate pazienti: con il tempo, anche lui riuscirà ad abituarsi alla sua nuova vita, perché ci sarete voi ad aiutarlo. Infine, non dimenticatevi dell’importanza di rispolverare i suoi giochi e le sue ciotole: hanno il suo ed il vostro odore, e questo lo aiuterà molto.