Ultimo aggiornamento lunedì 27 Mar 2017 11:24
Search
andrea pazienza

Paz, Pescara e la lingua della strada

23 maggio 1956, ben 60 anni fa. Un anniversario importante per celebrare la nascita di una delle personalità più significative della cultura italiana a cavallo fra gli anni ’70 e il decennio successivo. Stiamo parlando di Andrea Pazienza, fumettista e disegnatore eclettico che con il suo lavoro ha dato una sterzata decisiva al fumetto italiano e, attraverso questo, a un’intera lingua.

Per l’occasione si moltiplicano le iniziative in ricordo di questo artista geniale, e non fa eccezione Pescara, che di Pazienza è stata casa negli anni di scuola, avendo frequentato il Liceo Artistico della città.
Il 22 maggio, infatti, sarà una giornata interamente dedicata al fumettista, in quella che è stata ribattezzata la prima PAZ FEST(A) (il programma completo dell’evento QUI).
La locandina dell’evento è opera di un altro importante autore pescarese, Simone Angelini – con Marco Taddei reduce dal successo della lunga graphic novel Anubi – che racconta la genesi del disegno, rivelando tra l’altro un legame preciso di Andrea con Pescara.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Come dicevamo, l’opera di Pazienza ha messo in campo una lingua completamente nuova, lontana dai dizionari ma fatta di slang urbano, rimescolamento di slogan politici e uno strano dialetto spurio, fatto di pugliese, pescarese e una sorta di lingua franca che nella Bologna del Settantasette diventa il risultato dei dialetti degli studenti giunti nel capoluogo emiliano da tutta Italia.
Era nato a San Benedetto del Tronto Andrea Pazienza, o APaz o semplicemente Paz. Ma l’infanzia la trascorre in Puglia, a San Severo, prima di trasferirsi a Pescara per frequentare il Liceo Artistico. Da lì poi il decisivo spostamento a Bologna, dove si iscrive al Dams. Ma proprio tra i banchi del liceo pescarese alcuni docenti più attenti iniziano a capire le potenzialità del giovane Andrea, stimolandolo a proseguire la sua ricerca.
L’esordio nel fumetto avverrà con Le straordinarie avventure di Pentothal, e da lì tutto cambia. Il fumetto passa con Paz e alcuni altri autori a lui vicini – tra cui Filippo Scòzzari, Massimo Mattioli, Stefano Tamburini e l’abruzzese Tanino Liberatore, con cui darà vita alla rivista “Cannibale” – attraverso una maturità evidente, slegata ormai dalla serialità e l’avventura per farsi testimonianza viva della strada, parallelamente a quanto facevano in quegli anni nella stessa Bologna le radio libere. E Pentothal è proprio questo, un lungo flusso di coscienza volutamente irregolare sia sul piano narrativo che nella composizione grafica: pagine e pagine a china in cui si mischiano stili e forme diverse, dove anche il semplice passaggio da una vignetta all’altra può rivelare un salto di immaginario da far rabbrividire i lettori più tradizionalisti.
Dopo Pentothal sarà la volta di un altro personaggio, cinico e spietato, violento e immorale, quel Massimo Zanardi dall’inconfondibile naso adunco.
Ma gli anni ’80 ormai iniziati – anni in cui nasce e si diffonde “Frigidaire”, un’altra rivista decisiva che ospita gli autori più avanzati del fumetto – sono anche il decennio in cui si inizia a fare i conti con la dipendenza dall’eroina. E Paz vive a pieno anche questo: ne è una testimonianza evidente uno dei suoi capolavori della maturità, Gli ultimi giorni di Pompeo, fumetto ormai adulto in cui l’autobiografia si sposa con l’intento di costruire una testimonianza viva e drammatica dell’inferno dell’eroina.
Come già adombrato in Pompeo, la fine si avvicina anche per Paz, che morirà nel giugno del 1988. Una scomparsa che chiude un decennio e una generazione, ma che non arresta quel lungo processo culturale nato proprio sulle tavole dei suoi fumetti.

Marco Pacella

 

Arte e Parte è una rubrica di storia dell’arte abruzzese antica e contemporanea curata da Mario Cobuzzi e Marco Pacella, laureati in Storia dell’Arte alla Sapienza di Roma. Cobuzzi è autore del blog Kunst. Appunti di storia dell’arte; Pacella (Twitter: @marco_pacella) scrive di arte, fumetto e cultura su diverse testate online e quando può, come può, dipinge.


TAG