Ultimo aggiornamento lunedì 18 Dic 2017 18:23
Search

Erba alta e vegetazione incolta nelle periferie, la denuncia di Pignoli e Teodoro [FOTO]

Erba non tagliata, erbacce alte fino a un metro e mezzo, vegetazione incolta e degrado diffuso. Questa la situazione di diverse zone periferiche della città di Pescara come denunciano i consiglieri comunali Massimiliano Pignoli e Piernicola Teodoro che questa mattina hanno fatto un giro in alcuni rioni della città intitolandolo “In tour nella savana pescarese”.

Per guardare la galleria di foto basta cliccare sull’immagine in basso:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

erba alta vegetazione incolta colli rancitelli (4)

Tra le aree visitate c’è strada Colle di Mezzo, proprio di fronte all’ingresso dei cimiteri dei Colli dove l’erba e la vegetazione incolta hanno invaso sia il marciapiede, inibendo anche alcune fermate degli autobus Tua, che la carreggiata stradale in alcuni punti.

Stessa situazione nelle aiuole di via Lago di Capestrano e via Lago di Borgiano nel rione di Rancitelli, all’interno del quale anche il parco della Speranza è, allo stato attuale, lasciato all’abbandono. Sempre a Rancitelli non mancano anche diversi rifiuti abbandonati sui marciapiedi, con vecchi divani, poltrone e ingombranti, e una fogna rotta, gestita dall’Ater, sotto al palazzo al numero 14 di via Lago di Borgiano.

«L’erba è arrivata quasi alla mia altezza», fa notare Pignoli, «per cui la situazione è allarmante e gravissima, per questo dico al vice sindaco, che mette post su facebook dicendo che stanno facendo e lavorando, meno parole e più fatti. Sono centinaia i cittadini che ci hanno segnalato situazioni di degrado simili da Villa del Fuoco, San Donato, Marina Nord e Sud e Zanni. Insomma l’intera città è una savana e l’amministrazione comunale arriva sempre seconda rispetto alle esigenze dei cittadini. Con un nostro rappresentante nella giunta comunale una situazione del genere non si verificherebbe con topi, ratti e insetti, un contesto da terzo mondo nel quale molti anziani sono costretti a vivere».

«Le zone periferiche della città», aggiunge Teodoro, «non possono essere lasciate sempre all’ultimo posto dato che si dà priorità sempre al centro della città. Bisogna lavorare sinergicamente e contestualemente nello stesso periodo altrimenti lasciamo le periferie all’abbandono e fra qualche giorno avremo zanzare che voleranno come rondini. A Rancitelli, nel parco della della Speranza la speranza è che qualcuno vada a pulire».