Ultimo aggiornamento venerdì 01 Feb 2019 11:06
Search

Università d’Annunzio, 3 milioni di euro per l’assunzione di 17 ricercatori: i dettagli

Più di 3 milioni di euro all’università d’Annunzio di ChietiPescara per l’assunzione di 17 ricercatori: questa la notizia che riguarda l’ateneo abruzzese.
Nello specifico l’università Gabriele d’Annunzio ha ottenuto la somma di 3 milioni e 185mila euro tramite il bando AIM: Attrazione e Mobilità – PON “Ricerca e Innovazione” 2014-2020 (Piano Operativo Nazionale Ricerca e Innovazione), riservato agli Atenei delle Regioni italiane “in transizione e in ritardo di sviluppo”.

Grazie a tale finanziamento verranno messi a disposizione 17 nuovi posti di ricercatore della durata di 36 mesi ciascuno.
Come illustrato all’ateneo, dei 17 ricercatori, 10 tra quelli che verranno reclutati e contrattualizzati potranno svolgere attività di ricerca, oltre che nell’università abruzzese, anche negli atenei di altri paesi esteri, mentre 7, provenienti dall’estero, potranno lavorare alla “d’Annunzio”.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

I dipartimenti dell’università di Chieti-Pescara che hanno ottenuto i finanziamenti sono i seguenti:

  • Farmacia,
  • Scienze Mediche, Orali e Biotecnologiche,
  • Ingegneria e Geologia,
  • Medicina e Scienze dell’Invecchiamento,
  • Neuroscienze e Imaging,
  • Economia,
  • Scienze Psicologiche, della Salute e del Territorio,
  • Lettere, Arti e Scienze Sociali.

L’Ud’A ha specificato che altri dipartimenti potrebbero essere finanziati in caso di incremento dei fondi.
Come spiegato dall’università,

“la “d’Annunzio” ha ottenuto valutazioni eccellenti collocandosi al primo posto in graduatoria con uno dei progetti, tra quelli con il punteggio più elevato (100 punti). […] L’eccellente risultato conseguito è frutto dell’impegno diretto di ben otto dei tredici Dipartimenti dell’Ateneo nonché della tempestiva esecuzione delle procedure previste da parte del Settore Progetti Europei e Nazionali che ha coordinato la partecipazione della “d’Annunzio” al bando PON R&I”.