Ultimo aggiornamento mercoledì 13 Dic 2017 11:40
Search

Aeroporto di Pescara, la Regione apre al capitale privato nella gestione della Saga

La Regione Abruzzo apre all’ingresso del capitale privato nella gestione della Saga, la società che si occupa dell’aeroporto d’Abruzzo di Pescara. Ad annunciare questa novità è lo stesso presidente Luciano D’Alfonso intervenuto al resoconto dei lavori che hanno interessato lo scalo negli scorsi mesi e alla presentazione dei nuovi interventi, per un totale di 21 milioni di euro, che renderanno l’aeroporto ancora più funzionale in un prossimo futuro.

Per guardare la galleria di foto basta cliccare sull’immagine in basso:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

aeroporto d'abruzzo di pescara lavori marzo 2017 (4)

Come conferma lo stesso governatore la pubblicazione di un bando per la manifestazione di interesse a entrare nel capitale della Saga dovrebbe avvenire entro qualche mese e la Regione punta a una quota pari al 30 per cento del capitale sociale. In colloqui passati diversi imprenditori avrebbero manifestato un potenziale interesse a entrare nella gestione dello scalo.

In aeroporto con D’Alfonso presenti anche il presidente della Saga Nicola Mattoscio e il direttore generale dell’Enac (ente nazionale aviazione civile) Alessio Quaranta, che ha parlato in modo positivo dell’attività svolta dalla società di gestione e della crescita dell’aeroporto pescarese che punta a passare dagli attuali 600mila passeggeri all’anno agli 850mila/1 milione. Gli interventi che hanno decretato la chiusura dello scalo nello scorso novembre sono conclusi e hanno riguardato la riqualificazione della pavimentazione della pista di volo  con le relative banchine,  i raccordi, il piazzale aeromobile, la segnaletica orizzontale e l’adeguamento delle luci della pista.

Da oggi invece sono iniziati i lavori che porteranno all’ammodernamento del piano terra dell’aerostazione con lo spostamento dell’area controlli di sicurezza con il numero di varchi che salirà da 3 a 5, la creazione di nuovi spazi commerciali, l’unificazione della zona arrivi nazionali e internazionali, la sostituzione dei nastri bagaglio e l’installazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura.

A medio raggio invece nei progetti c’è la realizzazione di un parcheggio coperto fruibile anche dall’esterno e l’arrivo della ferrovia all’interno dello scalo aeroportuale.