Ultimo aggiornamento lunedì 20 Nov 2017 12:54
Search

Cane morto e giovane ferito dopo scossa su tombino, il vicesindaco: «Fatto grave, accertare responsabilità» [FOTO]

Si è trattato di un “fatto grave”, e per tale motivo verranno effettuate tutte le verifiche del caso per accertare eventuali “responsabilità”: questo, in estrema sintesi, il pensiero del vicesindaco di Pescara, Antonio Blasioli, su quanto avvenuto nella serata di Ferragosto sulla riviera in centro a Pescara, con un 34enne rimasto ferito dopo aver preso la scossa passando su un tombino (leggi i dettagli QUI), e un cane morto folgorato poco dopo nello stesso punto all’altezza dello stabilimento Apollo e del parco di Villa De Riseis (guarda foto e dettagli QUI).

tombino riviera scossa

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Il vicesindaco, nella mattinata di oggi, mercoledì 16 agosto, a poche ore di distanza dal doppio episodio avvenuto sulla affollata riviera del centro di Pescara nel giorno del 15 agosto, ha effettuato un apposito sopralluogo nella zona del lungomare Matteotti (riviera nord) nei pressi del tombino “incriminato”, dal quale si sarebbero sviluppate le scosse elettriche che hanno ferito un giovane e ucciso un cane.
Queste le parole di Antonio Blasioli relative agli episodi di ieri, al successivo sopralluogo, e alle prossime mosse per appurare quanto successo a Ferragosto, con la conferma che, nel giro delle prossime 24 ore, dovrebbe essere fatta piena luce su quanto accaduto:

«Siamo venuti questa mattina a fare questo sopralluogo con i tecnici del Comune di Pescara e soprattutto di Pescara Energia e Enel Sole che hanno in gestione la pubblica illuminazione. A loro abbiamo chiesto subito una relazione dettagliata per quello che è un fatto grave e ora con questo sopralluogo e la scoperta fa di questo pozzetto ci stanno spiegando quello che potrebbe essere accaduto, ma dobbiamo capire soprattutto bene perché, per una serie di coincidenze, il differenziale non ha funzionato.

Ieri sera si è rischiato tanto, ma da quel che mi hanno spiegato, ieri sera ci sono state una serie di coincidenze tutte insieme che difficilmente potrebbero diversificarsi, ma noi dobbiamo stare molto attenti a fare in modo che quello che è successo ieri non accada più. Per questo da questa mattina alle 8 siamo venuti sul posto per capire cosa è accaduto, e con gli accertamenti dei tecnici capire e andare a fondo sulla vicenda.
Per questo abbiamo chiesto una relazione dettagliata. Ci dispiace naturalmente sia per questo ragazzo di 34 anni e nei confronti dei padroni di questo cane che, mi dicono siano turisti romani. Le responsabilità verranno accertate, ma soprattutto quello che dobbiamo garantire alla cittadinanza è che situazioni del genere non debbano più verificarsi. Faremo di tutto per verificare nel giro di 24 ore quello che è accaduto».