Ultimo aggiornamento sabato 24 Ago 2019 19:56
Search

Tari Pescara, come calcolare quota tassa da pagare: date di scadenza rate e soluzione unica

Calcolatore Tari Pescara online.
Il Comune ha infatti annunciato che il nuovo servizio che permette di calcolare il tributo e procedere con la stampa dei relativi F24 è stato appena lanciato online.

Ciò significa che i cittadini potranno inserire tramite internet le generalità e le specificità degli immobili, procedere a fissare quanto dovuto, e stampare gli F24 per il pagamento (che potrà essere effettuato fisicamente agli sportelli postali o bancari, oppure direttamente online per coloro i quali possiedono dei conti con tale opzione).

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Per quanto riguarda invece le date di scadenza (sia del pagamento in soluzione unica, che di quello tramite rate), ecco qui di seguito i dettagli:

  • Pagamento in (quattro) rate:
    -prima rata: scadenza 31 marzo,
    -seconda rata: scadenza 31 maggio,
    -terza rata: scadenza 30 settembre,
    -quarta rata: scadenza 30 novembre.
  • unica soluzione:
    -scadenza: 16 giugno.

Il calcolatore è disponibile sul sito ufficiale del Comune di Pescara, cliccando su QUESTO LINK.

Ecco qui di seguito tutti i dettagli e le informazioni relative alla Tari e al relativo calcolatore fornite dall’assessore alle Finanze del Comune di Pescara, Giuliano Diodati:

“Come ogni anno il Comune ha provveduto ad inviare gli avvisi di pagamento dell’imposta sui rifiuti, in via di recapito attualmente con i relativi F24, a 60.500 contribuenti iscritti al ruolo, che hanno cioè presentato una dichiarazione ai fini Tari.
E’ necessario comunque ricordare che l’invio è un servizio voluto dall’Amministrazione per agevolare i pagamenti, ma l’imposta è regolamentata in regime di autoliquidazione, questo significa che si può calcolare il tributo dovuto in autonomia e predisporsi al pagamento. Per farlo i nostri Uffici hanno predisposto un apposito calcolatore, quello realizzato in-house è online da oggi sulla homepage del sito comunale, dove inserendo generalità e specificità degli immobili, si può procedere a fissare il dovuto e stampare gli F24 per il pagamento che può avvenire agli sportelli postali, bancari o, ovviamente online per chi ha conti che lo consentono.

Il calcolatore serve anche a determinare il nuovo importo a fronte di una variazione non ancora comunicata agli uffici e quindi non presente sulla documentazione ricevuta, o determinare il carico per coloro i quali sanno di essere oggetto di tassazione per un nuovo immobile ma non hanno ancora adempiuto all’obbligo di dichiarazione agli uffici.
In merito alle sanzioni, va detto che l’Ente non ha mai erogato avvisi di accertamento per tardivo versamento, specie se si tratta di un ritardo di pochi giorni, questo perché la nostra priorità è quella di recuperare le quote di evasione, un’attenzione che in questi anni ci ha consentito di recuperare ingenti somme.
Va infatti in tale direzione anche un ulteriore strumento messo a disposizione sul sito del Comune, un calcolatore per applicare l’istituto del “ravvedimento operoso” e permettere così ai contribuenti che magari hanno saltato delle rate, di pagarle con un minimo di aggravio, purché ciò avvenga entro un anno dalla scadenza del tributo.
Ecco il link
L’emissione dell’avviso di accertamento, dunque, riguarda principalmente i contribuenti che hanno in modo conclamato e continuato omesso di pagare il tributo.
Al fine di agevolare i contribuenti la Tari si può pagare in quattro rate, la prima con scadenza al 31 marzo, poi 31 maggio, 30 settembre e 30 novembre, oppure in un’unica soluzione il 16 giugno. Va ricordato che utilizzando il modello F24 come strumento di pagamento, si ha la possibilità di far fronte al tributo attingendo dagli eventuali crediti d’imposta riscontrati in sede di dichiarazione dei redditi”.