Ultimo aggiornamento martedì 26 Mar 2019 20:28
Search

Doppia rapina al Conad e all’Eurospin in pochi minuti a Pescara, inseguito e arrestato l’autore

Due rapine in altrettanti supermercati (una tentata l’altra messa a segno) a Pescara oggi, giovedì 14 marzo: questi gli episodi dei quali si sarebbe reso protagonista un uomo arrestato dai carabinieri.
Il primo colpo sarebbe stato tentato ai danni del supermercato Conad in via Rigopiano, mentre il secondo è stato messo a segno all’Eurospin in via Aldo Moro.

A finire in manette, nel primo pomeriggio, un 40enne pescarese già noto alle autorità, il quale dovrà rispondere dell’accusa di rapina aggravata.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Tutto ha avuto inizio, secondo le ricostruzioni sull’accaduto, alle ore 12:50, quando l’uomo, con il volto travisato da un cappello e dal cappuccio di una felpa, armato di un arnese da cucina acuminato, ha fatto irruzione nel supermercato Conad.
Dopo aver minacciato una cassiera con un pelapatate, l’uomo sarebbe stato allontanato dal titolare presente nel negozio al momento del tentativo di rapina.

L’intervento del titolare avrebbe fatto inizialmente desistere l’autore.
L’uomo, però, nel breve volgere di poci minuti, sarebbe giunto all’interno del supermercato Eurospin in via Aldo Moro.

Con in mano lo stesso arnese da cucina avrebbe minacciato una cassiera presente per farsi consegnare i soldi.
Sotto la minaccia dell’attrezzo acuminato la cassiera si sarebbe allontanata e l’uomo si sarebbe pertanto impossessato prima di parte dell’incasso, e poi del cassetto del registratore di cassa.

Il rapinatore si sarebbe dato alla fuga, ma il direttore del punto vendita e un giovane extracomunitario, addetto alla sicurezza del supermercato, si sarebbero messi al suo inseguimento, riuscendo a bloccarlo e a consegnarlo ai carabinieri giunti nel frattempo sul posto.
I militari della Sezione Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara avrebbero pertanto provveduto ad arrestare l’uomo e a trasferirlo in carcere.

Il denaro appena prelevato, circa 350 euro in contanti, perso dal rapinatore durante la fuga, sarebbe stato recuperato da un passante e restituito alla cassiera del supermercato, mentre l’arnese utilizzato nelle due rapine è stato sequestrato dai militari.