Ultimo aggiornamento giovedì 20 Giu 2019 09:42
Search

Ponte Flaiano e viabilità, ecco una proposta per snellire il traffico [MAPPA]

Una proposta per cercare di snellire il traffico, alla luce anche dell’apertura del Ponte Flaiano a Pescara: questo quanto suggerito da un nostro lettore, il quale ha realizzato un’apposita mappa esplicativa per illustrare la propria idea.
Per vedere la mappa in questione, clicca sull’immagine qui di seguito (in rosso le proposte sui sensi di marcia):

mappa proposta traffico ponte nuovo

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Ad avanzare la proposta, Fernando Di Domenica, ingegnere civile pescarese.
Il ponte nuovo di Pescara, come è noto, è stato pensato per snellire il traffico tra nord (centro e aree di risulta) e sud della città (zona Torri Camuzzi e Porta Nuova), e anche sulla direttrice Est-Ovest (asse attrezzato).

Di Domenica, che tra l’altro gestisce la pagina Facebook “Pescara in diretta – Traffico & Meteo”, per cercare di ottimizzare ulteriormente il flusso del traffico (con particolare riferimento alla zona a nord del fiume), grazie anche all’apertura del Ponte Flaiano, ha elaborato una proposta, descritta in maniera grafica nella mappa allegata precedentemente, e i cui dettagli sono i seguenti:

Proposta per migliorare la viabilità di collegamento del Ponte Flaiano con la zona nord.
Sarebbe opportuno infatti ottimizzare gli attuali flussi di traffico mettendo in risalto i due assi principali bidirezionali Nord-Sud proprio in funzione del nuovo ponte, ossia:
– asse via Ferrari-Via Gran Sasso (lato monte)
– asse via De Gasperi (parcheggio stazione) – Ponte D’Annunzio (lato mare).
Per il primo dovrebbe essere stabilito il doppio senso di marcia da via del Circuito all’incrocio di via Rigopiano dove andrebbe inserita una rotatoria.
Per il secondo dovrebbe essere ridotto il parcheggio lato mare tra i due sottopassi per garantire in quel tratto anche il senso di marcia nord-sud e rendendolo continuo dal parcheggio della stazione fino al Ponte d’Annunzio.
In tal modo si formeranno due assi principali indipendenti che possono garantire la fluidità del traffico attualmente pregiudicata nella zona compresa tra i due sottopassi ferroviari, ormai punto fisso di congestione e traffico.
Nella foto (mappa, ndr) è schematizzata l’idea, in rosso sono evidenziati i sensi di marcia che andrebbero adottati, in giallo quelli attuali da mantenere.
Senza un’adeguata viabilità il ponte nuovo risulterà purtroppo poco utile. In termini lavorativi si tratterebbe di opere davvero ridotte e si eliminerebbe, soprattutto, quel perenne tappo di bottiglia nel sottopasso ferroviario, oltre ai vantaggi di un doppio asse viario bidirezionale nord-sud, indipendenti l’uno d’altro, di un asse bidirezionale nord-sud esclusivo del Ponte Flaiano che collegherebbe direttamente la viabilità dei Colli, stazione centrale, ospedale, con quella di Tiburtina, Porta Nuova e università.