Ultimo aggiornamento giovedì 19 Set 2019 17:40
Search

Tentano di rioccupare casa dopo sgombero abbattendo muro: sorpresi dai carabinieri

Avrebbero tentato di occupare nuovamente un appartamento a poche ore dallo sgombero, abbattendo il muro eretto davanti alla porta d’ingresso: questo l’episodio avvenuto a Pescara e che ha avuto come protagonisti i membri di una famiglia, sorpresa dai carabinieri.
L’episodio si è verificato nella mattinata di oggi, martedì 20 agosto, in via Lago di Borgiano, in uno degli alloggi Ater, e ha visto l’intervento dei militari del Norm della Compagnia di Pescara.

I carabinieri, durante un servizio di verifica sulle case sgomberate per evitare rioccupazioni, avrebbero notato la presenza di una donna, già tratta in arresto qualche mese fa, insieme ai suoi familiari, nel tentativo di rioccupare un’abitazione.
La famiglia era stata protagonista di uno sgombero proprio nella mattinata di ieri, lunedì 19 agosto, dall’alloggio occupato in maniera abusiva.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Stando al racconto dei militari, la famiglia sarebbe stata sorpresa dopo aver abbattuto il muro di mattoni (eretto dagli operai dopo lo sgombero), e nel tentativo di installare una una nuova porta d’ingresso.
I militari intervenuti avrebbero bloccato l’iniziativa in corso e, dopo aver allontanato il nucleo familiari, avrebbero allertato il personale Ater, con l’appartamento nuovamente murato.

I carabinieri hanno annunciato che le verifiche e i controlli sugli appartamenti Ater proseguiranno anche nei prossimi giorni, specificando che

“Ogni azione illecita, nel rispetto della normativa prevista, sarà oggetto di attenzione, di scrupoloso esame, nonché di intervento deciso e tempestivo, oltre che di comunicazione all’Autorità giudiziaria anche alle Autorità amministrative competenti.”