Ultimo aggiornamento mercoledì 22 Mag 2019 21:54
Search

Incendio palazzina via Lago di Capestrano, coinvolte anche due donne incinte [FOTO]

Incendio a Pescara poco prima dell’alba di oggi, sabato 20 maggio.
L’episodio è avvenuto in una palazzina in via Lago di Capestrano al civico numero 23 intorno alle ore 5:30, nel quartiere di Rancitelli.
Sul posto sono immediatamente giunti gli agenti di polizia, e poi i vigili del fuoco e il personale del 118.
Per vedere le foto clicca sull’immagine qui di seguito:

incendio via lago capestrano palazzo

Inserisci il tuo codice AdSense qui

I poliziotti, giunti nei pressi della palazzina di edilizia popolare di 4 piani, hanno notato diverse persone affacciate ai balconi chiedere aiuto, e nel frattempo una densa nube di fumo sprigionarsi dal vano delle scale, tale da impedire l’uscita degli inquilini dallo stabile.
Gli agenti sarebbero pertanto intervenuti riuscendo ad accedere nella palazzina.

Una volta all’interno, gli uomini della polizia avrebbero raggiunto i piani alti, conducendo all’esterno alcuni degli inquilini presenti, tra i quali una donna in stato di gravidanza con i suoi tre figli, un uomo con la sua compagna, un’altra donna incinta all’ottavo mese di gravidanza con i suoi due figli e, dal terzo piano dello stabile, una madre con suo figlio.

Tutte le persone sarebbero state portate all’esterno dai poliziotti utilizzando delle stoffe imbevute di acqua a protezione delle vie respiratorie per attraversare la coltre di fumo.
Una volta all’esterno, gli inquilini sarebbero stati medicati sul posto dai sanitari del 118, e nel frattempo i vigili del fuoco avrebbero provveduto a evacuare tutti i residenti.

L’incendio, stando alle prime ricostruzioni sull’accaduto, si sarebbe sviluppato dal piano terra in seguito a un probabile corto circuito nell’impianto dei contatori, ma su tale ipotesi sono ancora in corso accertamenti.
I vigili del fuoco, dopo aver portato tutti gli inquilini in  sicurezza in strada, avrebbero effettuato le ispezioni all’interno della struttura, la quale è stata dichiarata agibile. I residenti, al termine di tali operazioni, sarebbero stati fatti rientrare nelle loro rispettive abitazioni.

Per quanto riguarda le conseguenze per i poliziotti e per le donne incinte, avendo inalato del fumo durante le operazioni di salvataggio, sono stati tutti trasportati al pronto soccorso e all’ospedale per degli accertamenti su possibili intossicazioni.
Il bilancio definitivo dovrebbe essere di alcune persone intossicate da fumo. Parte delle persone sono state refertate e dimesse subito dopo, mentre altre sarebbero ancora in osservazione nel nosocomio.

Una delle donne in stato di gravidanza, una 28enne, sarebbe giunta in ospedale in codice rosso. Tra le persone lievemente intossicate figurano anche due poliziotti della Squadra Volante e un bambino di 6 anni.
In mattinata, nella palazzina all’interno della quale si è sviluppato l’incendio, sono giunti i tecnici di e-distribuzione per verificare l’entità dei danni subiti dagli impianti.