Ultimo aggiornamento mercoledì 26 Giu 2019 14:33
Search

Avrebbe abusato per anni di una minorenne: la scoperta dei carabinieri

Un uomo ultrasessantenne avrebbe abusato di una minorenne avviata alla prostituzione da sua madre: questa la scoperta fatta dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Pescara durante lunghe e complesse indagini.

A finire nei guai un pensionato domiciliato nel Pescarese, il quale si sarebbe reso responsabile di atti sessuali ed atti persecutori nei confronti di una giovanissima, ora 21enne.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

A far scattare le indagini sarebbero state alcune confidenze fatte dalla ragazza a una educatrice sociale e a una sua ex insegnante.
Stando a quanto emerso nel corso delle indagini, tutto avrebbe avuto inizio nel 2010, quando la vittima aveva solamente 12 anni, e sarebbe durato fino al 2016.

Sempre in base a quanto scoperto nel corso delle indagini, sarebbe stata la madre della giovanissima a indurre la ragazzina a intrattenere rapporti sessuali con l’uomo, percependone i relativi compensi.
Dopo il decesso della donna, la figlia sarebbe però riuscita a trovare la forza e il coraggio di rifiutare ulteriori incontri con l’uomo.

Quest’ultimo, però, non avrebbe desistito e, attraverso una vera e propria attività persecutoria, avrebbe tentato di adescarla ulteriormente tramite  pedinamenti, appostamenti davanti alla scuola e continui contatti telefonici (più di 400 le telefonate e gli sms in chat tra il 2017 e il 2019).
Nei confronti dell’uomo, attualmente con regolare famiglia a carico, è stata applicata la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima e il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con la stessa.

Per analoghi episodi ci sarebbe un altro indagato, un 80enne, nei confronti del quale è stata eseguita una perquisizione domiciliare.
Quest’ultimo, in base a quanto emerso, avrebbe interrotto da tempo la frequentazione della giovane donna, dopo averla abusata negli anni 2006-2007.