Ultimo aggiornamento martedì 15 Ott 2019 10:24
Search

Aggressione coppia a Pescara, sindaco Masci condanna gesto: «Contributo da telecamere posizionate nella zona»

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, è intervenuto sull’aggressione ai danni di due turisti brasiliani, denunciata da parte di Arci Pescara, e definita come “aggressione omofoba” (leggi i dettagli QUI).
Stando a quanto riferito dall’associazione, infatti, i due giovani sarebbero stati visti camminare mano nella mano in centro a Pescara, e poi aggrediti da una persona.

Sulla vicenda, come accennato, è intervenuto anche il neo sindaco di Pescara, Masci, il quale ha condannato il gesto e invitato le vittime dell’aggressione a sporgere formale denuncia.
A tal proposito il primo cittadino si è auspicato che le forze dell’ordine facciano piena luce sull’episodio, e in tal senso potrebbero fornire un contributo le telecamere presenti nella zona.
Ecco qui di seguito la nota integrale del sindaco Masci:

Inserisci il tuo codice AdSense qui

«L’aggressione fisica è inaccettabile e stigmatizzabile indipendentemente dalle cause che l’hanno scatenata: i gesti di violenza e di intolleranza vanno infatti condannati senza se e senza ma. L’episodio segnalato dall’Arci Gay contro due ragazzi brasiliani in via Umbria riporta in primo piano la necessità di garantire maggior sicurezza ai cittadini, ai turisti e a quanti hanno scelto di vivere a Pescara. Nell’esprimere ai due ragazzi la solidarietà mia personale e dell’Amministrazione comunale, ribadisco l’impegno nel volere assicurare il controllo del territorio e la vivibilità in una città come Pescara che ha una consolidata tradizione di apertura e tolleranza. Invito le vittime dell’aggressione a sporgere formale denuncia per condurre a identificare chi si è macchiato di tale vile gesto, e auspico che le Forze dell’ordine facciano al più presto chiarezza su quanto reso noto dall’Arci Gay. Un contributo in tal senso potrebbe arrivare dalle telecamere posizionate nella zona, che avranno un ruolo sempre più importante in un sistema integrato di videosorveglianza, che la mia amministrazione ritiene significativo per la tutela e la tranquillità dei cittadini».