Ultimo aggiornamento mercoledì 19 Giu 2019 16:55
Search

Donna sorpresa all’aeroporto di Pescara con più di 63mila euro in contanti

Sorpresa in aeroporto a Pescara con oltre 63mila euro: questa la scoperta fatta dalla guardia di finanza all’Aeroporto d’Abruzzo durante un controllo.
Il rinvenimento dell’ingente somma è stato effettuato durante appoisiti controlli a contrasto dell’illegalità economica e della movimentazione transfrontaliera dei capitali, da parte delle fiamme gialle e dei funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli.

I militari hanno fermato la donna, una cittadina belga in partenza per Charleroi (Belgio) all’interno dell’area doganale dell’aeroporto d’Abruzzo intorno alle ore 15.
La donna avrebbe inizialmente negato di detenere valuta.

Inserisci il tuo codice AdSense qui

Gli operatori al varco, insospettiti da quanto dichiarato, avrebbero deciso di procedere con un controllo sul bagaglio a mano in suo possesso.
E i sospetti sarebbero stati confermati all’apertura del bagaglio: abilmente nascosti all’interno di quest’ultimo sono stati infatti rinvenuti oltre 60mila euro, composti prevalentemente da banconote del taglio di 500 euro l’una.

La donna avrebbe pertanto dichiarato che il denaro fosse frutto di risparmi e che tale somma sarebbe servita per l’acquisto di immobili.
Alla luce di quanto rivnenuto le fiamme gialle hanno provveduto al sequestro amministrativo della somma di oltre 26mila euro, pari al 50% del denaro contante eccedente la soglia di 10mila euro (limite di movimentazione ammesso al seguito della persona, somma oltre la quale è obbligatorio presentare la dichiarazione valutaria).

Come dichiarato dalla guardia di finanza di Pescara, dal gennaio dello scorso anno a oggi sono stati eseguiti più di 1.200 controlli in materia di valuta, in particolare nelle aree aeroportuali, con il monitoraggio di movimentazione per oltre 4milioni di euro. In tale periodo sono stati scoperti dai militari 42 casi di irregolare esportazione di capitali all’estero in violazione alle normative di settore, accertando violazioni per 400mila euro.